Una visita “canonica” in nome della fraternità. 3- CALIFORNIA

In occasione della festa di tutti i Santi dell’Ordine canonicale, che cade l’8 novembre, ecco l’occasione per un altro viaggio in California, a Santa Paula, dove risiedono 9 nostri confratelli Cric: 6 sacerdoti, 2 fratelli e un professo temporaneo. La casa di riferimento è la “Dom Gréa house”, nella quale risiede l’animatore territoriale padre Thomas Dome e parroco della chiesa di Nostra Signora di Guadalupe, padre Christopher Reeve, due fratelli a voti solenni, fr. Roger Proulx e fr. Emil Palafox, insieme al professo semplice Johnny Amaro. Alla comunità Cric è affidata la cura pastorale anche della parrocchia di S. Sebastian, il cui parroco e padre Pasquale Vuoso. Con lui collaborano padre Thaddeus Haynes e padre Charles Lueras. Il confratello più anziano padre William Ustaski, di anni 92, vive invece in una casa di accoglienza per anziani autonomi a Santa Clarita.

Insieme a padre Angelo Segneri abbiamo vissuto alcuni giorni intensi, godendo della cordialità per l’accoglienza e la fraternità, nella condivisione della preghiera liturgica quotidiana nella dom Gréa House. E’ stata un’esperienza importante per conoscere la realtà religiosa e pastorale di questa gente, ricca di tradizioni e di fede. La parrocchia di Nostra Signore di Guadalupe, per esempio, è formata per la maggior parte da famiglie messicane, molto devote e religiose, che frequentano la Chiesa e pregano con grande fede.

Ho avuto l’occasione anche di conoscere l’Arcivescovo di Los Angeles, José H. Gomez, di origini messicane, che da pochi giorni è stato nominato nuovo presidente della Conferenza episcopale degli Stati Uniti. Insieme a padre Thomas abbiamo partecipato all’Assemblea annuale dei Superiori Maggiori dell’Arcidiocesi di Los Angeles, per una condivisione sulle varie problematiche pastorali del territorio.

Il giovedì mattina ci siamo riuniti tutti insieme per un incontro fraterno di conoscenza e di approfondimento della nostra vita religiosa, condividendo riflessioni e proposte sul nostro cammino formativo e sulla vita di comunità e pastorale.

Il giorno più bello e significativo naturalmente è stata la festa di tutti i santi canonici, con una solenne concelebrazione la mattina di venerdì 8 settembre nella chiesa parrocchiale di S. Sebastian. Durante la s. messa fratel Emil Palafox ha emesso la sua professione Solenne, impegnandosi per tutta la vita a vivere i Consigli evangelici come fratello nella nostra comunità religiosa di Canonici Regolari dell’Immacolata e a servizio della Chiesa.

Nell’omelia ho ricordato alcuni tratti della vita di Emil trascorsi nella nostra comunità Cric, che lo ha fatto crescere e maturare in questa decisione. Ne riporto alcuni passaggi: “Carissimo Emil, dopo un periodo di esperienza nella nostra comunità Cric di Santa Paula e il periodo vissuto da postulante sotto la guida di padre Thomas e confratelli, nel 2014 ti sei inserito bene nella vita della comunità, partecipando alla preghiera comunitaria e personale, con tanta volontà e gioia, prestando collaborazione, anche manuale, nella casa “Dom Gréa House”. Hai dimostrato grande capacità di lavoro, soprattutto durante il trasloco nella nuova casa, collaborando anche nell’organizzazione dell’ufficio e nella parrocchia, dove sei ben conosciuto e ha dimostrato di essere contento di questa scelta.

Dopo il noviziato e la prima professione emessa in ottobre 2015, ora ti senti pronto per emettere la tua professione solenne, con parere unanime e favorevole di tutta la tua comunità religiosa locale.

Ed è con grande gioia che anche il nostro Consiglio Generale ha accolto la tua domanda ed è qui rappresentato dal Superiore Generale e dal segretario del Consiglio padre Angelo Segneri.

Per noi è una bella occasione per visitare e conoscere meglio questa comunità di Canonici dell’Immacolata di Santa Paula, proprio nella festa/Solennità di tutti i Santi Canonici della Confederazione.

Carissimo Emil, ora questa chiamata viene rivolta a te dal Signore attraverso la nostra comunità religiosa, le nostre Regole (quella di S. Agostino innanzitutto, e le nostre Costituzioni), che sono libri di vita e strumenti per vivere il vangelo e perseverare nella sequela.

Come già stai sperimentando all’interno della “Dom Gréa House”, sicuramente la vita comune è faticosa da una parte, ma riserva anche tante gioie e soddisfazioni dall’altra, sull’esempio della prima comunità cristiana di Gerusalemme, quella degli apostoli che avevano “un cuor solo e un’anima sola”, protesi verso Dio, come aggiunge s. Agostino nella sua Regola. E come gli apostoli con forza rendevano testimonianza della risurrezione di Gesù e godevano grande simpatia, così ci auguriamo che questo clima e stima possa essere vissuto in questa comunità religiosa Cric di Santa Paula”

Con questa meravigliosa giornata culminata in un pomeriggio di fraternità con alcuni amici della Dom Grèa House, termina il nostro soggiorno in California, con l’impegno di ritornarci per condividere con più calma la vita con i nostri confratelli americani.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close